Stenosi Valvolare Aortica

La valvola aortica permette il passaggio di sangue dal ventricolo sinistro all’aorta, ovvero il grosso vaso che porta il sangue al corpo. In condizioni normali, la valvola ha tre cuspidi separate che si aprono per favorire il flusso di sangue e si chiudono per prevenirne il rigurgito. In questa patologia, la valvola non è adeguatamente formata.

La stenosi valvolare aortica è una malformazione nella quale è presente un restringimento a livello della valvola aortica. Generalmente, le cuspidi valvolari sono fuse tra loro nei punti di apertura e ciò impedisce il normale movimento della valvola, causando un ostacolo all’apertura. In questo modo, la pressione nel ventricolo sinistro comincia ad aumentare per superare l’ostruzione al flusso: tanto maggiore sarà l’ostruzione, tanto più alta sarà la pressione nel ventricolo sinistro.

Sintomi

Se grave, la stenosi valvolare aortica può causare scompenso cardiaco e insufficiente flusso di sangue al corpo, specialmente nei neonati. Nei bambini più grandi, una grave stenosi o restringimento può causare dolore toracico, palpitazioni, sincope o, addirittura, morte improvvisa. Forme più lievi, raramente, causano sintomi nel bambino. Il sovraccarico pressorio causa un ispessimento o ipertrofia della parete muscolare del ventricolo. Nel tempo, tale muscolo si trasforma in tessuto fibroso, diventando rigido e riducendo, così, la sua capacità di contrarsi.

Trattamento

Il trattamento della stenosi valvolare aortica nel neonato, nel bambino e nell’adolescente è la valvuloplastica percutanea, cioè un cateterismo cardiaco in Emodinamica.

Un altro approccio, talvolta utilizzato, è l’apertura chirurgica della valvola. Sotto visione diretta, il cardiochirurgo apre le parti fuse delle cuspidi e rimuove il tessuto in eccesso per rendere le cuspidi più mobili. Il risultato di queste due procedure sembra equivalente. In alcune situazioni, la valvola deve essere rimossa e sostituita (Intervento di Ross o sostituzione con valvola meccanica).

Follow-up

I risultati della valvuloplastica con palloncino sono, generalmente, buoni nel ridurre la gravità dell’ostruzione anche se, con nessuna delle due procedure, la valvola sarà normale.

È importante capire che la stenosi aortica è un problema duraturo e che tutti i trattamenti attualmente disponibili risolvono il problema solo temporaneamente. Il Follow-up è fondamentale e necessario. La frequenza dei controlli sarà stabilita con il cardiologo di riferimento a seconda delle condizioni cliniche, anatomiche e dalla presenza di eventuali difetti residui.

Attività fisica

Tendenzialmente, l’attività fisica è consigliata. Tuttavia, l’intensità e il tipo di attività devono essere concordate insieme al cardiologo di riferimento.

Gravidanza

La gravidanza non è sconsigliata ma, in considerazione della varietà e dalla complessità di determinate cardiopatie congenite e per una corretta programmazione, è necessario parlarne con il cardiologo di riferimento che potrà, eventualmente, avvalersi del consulto dello specialista ginecologo.